Da quando scrivo su questo blog, ogni tanto guardo le mie statistiche su Google Analytics… Ok, lo ammetto, lo guardo due o tre volte al giorno.

Questo blog è attivo da poco più di due mesi e alcuni dei miei articoli iniziano a comparire su Google e a generare un po’ di traffico.

Devo ammettere che in questo momento mi sto divertendo molto a guardare le espressioni che le persone hanno cercato in motore di ricerca per trovare questo blog.

Queste informazioni sono disponibili nell’interfaccia di Google Analytics seguendo questo percorso:

Fonti di traffico ==> Fonti ==> ricerca ==> Risultati naturali

Oppure direttamente nell’interfaccia della Search Console.

Tuttavia, il mio risultato principale delle ricerche su Google è: ” Not Provided “…

Questa risposta occupa quasi 80% dei miei risultati di riferimento naturaleil che, devo ammettere, è piuttosto frustrante.

Da dove viene questo “Non fornito”?

Questi ” Non fornito I visitatori “non forniti” sono semplicemente i visitatori che arrivano sul vostro sito con almeno uno dei loro account Google connesso.

Infatti, se si osserva l’URL quando si è connessi a Gmail, per esempio, è in HttpS, il che significa che ci si trova in navigazione privata.

E questo spiega le risposte “Not provided“. Rendendo la navigazione più sicura per i propri utenti, Google si riserva il diritto di conservare i risultati delle ricerche.

Quindi non avrete accesso alle statistiche.

È possibile scoprire quali espressioni sono “non fornite”?

Beh, no, non è possibile sapere cosa sia il espressioni digitate dagli utenti di Internet.

Questo è l’intero dominio di Google. I siti sono talmente dipendenti da Google che se decide di mantenere le informazioni, nessuno può rifiutarsi di farlo.

E devo ammettere che questo è davvero frustrante, soprattutto per i blog nel campo del web marketing, dove la maggior parte degli utenti di internet ha almeno accesso a un account Google (da qui il mio 80% di “Not provided“).

Quindi tutto quello che puoi fare è piangere (Oh no!) e cercare di analizzare rapidamente le query che Google ha avuto l’onore di lasciarvi.

Questo vi permetterà di verificare che le espressioni su cui ci si vuole posizionare siano davvero quelle che si vogliono utilizzare.

Valuta l’articolo

L’articolo Che cos’è il risultato “Not Provided” in Google Analytics? proviene da Blog Ecommerce.


Source: Blog eCommerce

0