Come scoprire se il vostro sito è ben compreso dai visitatori?

Facendo seguito al mio precedente articolo, sottolineerò ancora una volta l’importanza di analizzare ciò che già esiste prima di intraprendere un nuovo progetto.

Ora che avete elencato le pagine principali da monitorare sul vostro sito web, potete rivolgere la vostra attenzione al vostro sito nel suo complesso. Questa analisi vi aiuterà sicuramente a spiegare i rapporti buoni o cattivi che abbiamo visto l’ultima volta insieme.

Quindi, quando arriverete alla vostra pagina iniziale (home page), prendetevi un momento per porvi le seguenti domande:

  • Quale/i messaggio/i volete trasmettere agli utenti di Internet?
  • Quali azioni vi aspettate che gli utenti del web compiano?
  • Che tipo di percorso vorreste che seguissero?

Immagino che abbiate risposto molto facilmente a queste tre domande, visto che lavorate al vostro sito da molti mesi.

Ma è davvero questo ciò che accade nella mente di un visitatore quando arriva su una pagina del vostro sito?

  • Il vostro messaggio è abbastanza chiaro per loro?
  • L’utente capisce subito con che tipo di sito ha a che fare?
  • I visitatori comprendono la gerarchia delle informazioni sul vostro sito?

Il modo migliore per essere sicuri di questo è quello di eseguire test utente. Questi test consistono nell’osservare un utente di Internet che naviga su un determinato sito web, con l’obiettivo di analizzarne il comportamento e definire le aree di ottimizzazione del sito.

Questi test sono fondamentali perché consentono di stabilire rapidamente se l’utente si trova a suo agio sul vostro sito, se capisce dove si trova e, soprattutto, quale messaggio state cercando di trasmettergli…

La prossima volta preparerò un articolo specifico sul test degli utenti.

Nel frattempo, mi interessa sapere cosa ne pensate.

Effettuate dei test utente per il vostro sito web? Anche dopo una riprogettazione, prestate sufficiente attenzione all’esperienza del cliente sul vostro sito web?

Valuta l’articolo

L’articolo Come scoprire se il vostro sito è ben compreso dai visitatori? proviene da Blog Ecommerce.


Source: Blog eCommerce

0

Analisi e ottimizzazioni a basso costo per aumentare la redditività del vostro sito web

Questa volta, si è deciso, si vuole fare sul serio. Basta vedere il colore rosa nel menu di navigazione, basta avere una scheda prodotto in cui il pulsante aggiungi al carrello è sotto la linea di galleggiamento. Questa volta, di sicuro, volete migliorare il vostro sito web.

E se, prima di cambiare qualcosa, analizzassimo ciò che già esiste? In effetti, il web ha un potere che il commercio tradizionale ha poco: tutto è misurabile!

Con un webanalytics come Google Analytics o Xiti, è ora possibile sapere quanti utenti Internet si trovano attualmente sul vostro sito, su quali pagine si trovano e cosa fanno lì.

Sto facendo un po’ la caricatura, ma questo è davvero il potere del web: tutto può essere misurato, tutto può essere analizzato.

Per facilitare l’analisi, è importante definire alcuni concetti essenziali:

La differenza tra visite e visitatori

  • Esiste un differenza tra visite e visitatori unici. Un singolo visitatore può effettuare più visite.

In pratica, questo si traduce nell’identificazione dell’IP da parte del software di analisi web, che associa diverse visite a un IP, e quindi a un singolo visitatore.

Il visitatori unici è utilizzato principalmente dalle agenzie pubblicitarie per vendere spazi pubblicitari.

Il visite sono utilizzati principalmente per misurare le prestazioni di un sito web.

Cosa è la frequenza di rimbalzo

  • Il frequenza di rimbalzo della pagina corrisponde alla percentuale di visitatori che abbandonano il sito dopo aver visualizzato una sola pagina (il visitatore non è stato sul vostro sito).

Quindi, se la vostra home page ha una frequenza di rimbalzo del 30%, significa che il 30% dei visitatori che arrivano sul vostro sito direttamente dalla vostra home page lo abbandonano subito.

Questo tasso dovrebbe quindi essere il più basso possibile.

Il tasso di uscita dalla pagina

  • Il tasso di uscita dalla pagina corrisponde alla percentuale di utenti Internet che, pur navigando sul sito, lo abbandonano dopo essere arrivati su una determinata pagina. (L’utente era già sul vostro sito)

Questo tasso dovrebbe quindi essere il più basso possibile.

Ad esempio, se il vostro carrello ha un tasso di uscita del 22%, significa che 22 visitatori su 100 hanno abbandonato il sito quando hanno raggiunto questa pagina.

Il tasso di trasformazione o conversion rate

  • Il tasso di trasformazione è l’indicatore chiave per un sito di e-commerce. Misura l’efficacia di un sito web utilizzando il seguente rapporto: numero di ordini / numero di visite.

In alcuni settori, come quello dell’alta tecnologia, in cui i panieri medi sono molto alti, può essere calcolato sulla base dei visitatori unici, poiché spesso un utente di Internet impiega più visite per concludere un acquisto.

Quindi, più alto è questo tasso, più il sito è considerato efficace.

Per informazioni, il sito tasso medio di trasformazione di un sito di commercio elettronico Il tasso di conversione per i siti di e-commerce generalisti si aggira intorno al 2%, il che significa che solo 2 utenti Internet su 100 che visitano un sito web effettuano effettivamente un acquisto (il che mi dice che quando si conosce questo tasso, ci si può dire che l’acquisizione va bene, ma la fidelizzazione… è meglio).

Ecommerce e analisi web.

La riprogettazione del sito web

Quindi, prima di lanciarvi nel riprogettare il vostro sito web rendetevi un giorno per sfogliare lo strumento di riprogettazione del vostro sito web. A tal fine, analizzate il vostro sito utilizzando i principali indicatori che ho elencato sopra.

Ad esempio, osservate i vostri indicatori principali pagine di ingresso (pagine attraverso le quali il maggior numero di visitatori arriva sul vostro sito) analizzando la frequenza di rimbalzo su queste pagine: è superiore o inferiore alla media del vostro sito?

Se queste pagine sono i vostri principali punti di accesso, è perché avete investito tempo e denaro per far arrivare i visitatori al vostro sito attraverso queste pagine.

Se la frequenza di rimbalzo è troppo alta, significa che tutto il lavoro di acquisizione fatto a monte non è servito a nulla…

Di conseguenza, non c’è dubbio che quando la riprogettazione del sito web. Queste pagine devono essere oggetto di un’attenzione particolare per mantenere un numero sempre maggiore di visitatori sul vostro sito.

In secondo luogo, analizzate il vostro principali pagine di uscita.

Ad esempio, prendete 30 giorni e contate il numero di visitatori che hanno lasciato il vostro sito attraverso le prime 5 pagine in termini di numero di uscite (esclusa la pagina di conferma dell’ordine).

Immaginate ora l’incremento di business che avreste potuto ottenere se foste stati in grado di trattenerne anche solo il 10%?

Questo è lo scopo dell’analisi web: analizzare i punti in cui un sito può essere migliorato per renderlo più efficace.

Quindi, prima di cambiare tutto e riprogettare il vostro sito, prendetevi il tempo di elencare le pagine del vostro sito che dovrebbero essere al centro della vostra attenzione.

Mi interessa la vostra opinione:

E voi, quali sono i principali indicatori che monitorate attraverso i vostri strumenti di web analytics?

Valuta l’articolo

L’articolo Analisi e ottimizzazioni a basso costo per aumentare la redditività del vostro sito web proviene da Blog Ecommerce.


Source: Blog eCommerce

0

Come creare il proprio curriculum online?

Stamattina ho scoperto il sito web Resumup, che vi permette di creare il vostro CV in un formato particolarmente in voga di questi tempi.

Estremamente pratico e intuitivo, potete importare direttamente le vostre informazioni da Linkedin o Facebook su ResumUP, risparmiando notevolmente tempo. Infatti, ho realizzato il mio curriculum in meno di 5 minuti (vedi esempio sotto).

Un aspetto da migliorare nei curriculum generati tramite computer è l’integrazione di una più ampia gamma di hobby (ad esempio, la possibilità di aggiungere autonomamente il titolo del proprio hobby) e l’inserimento di elementi che riflettano le capacità relazionali. Tuttavia, sono fiducioso che queste funzionalità verranno sviluppate in futuro.

Sono rimasto profondamente colpito da questo sito, che permette di creare il proprio curriculum con grafica computerizzata. Spero che, grazie al suo successo, il sito possa offrire nuovi modelli (attualmente disponibile solo uno), consentendo agli utenti di scegliere l’infografica che più si adatta ai loro gusti.

Per ora, lasciatemi presentare il mio curriculum generato al computer (sì, sto coniando una nuova espressione!):

Come potete vedere, quest’infografica mostra il mio curriculum con tutte le informazioni essenziali: i miei contatti, le esperienze professionali, le competenze e i miei hobby.

Cosa sono le infografiche?

La computer grafica è utilizzata per raccogliere informazioni sotto forma di immagini e rendere più facile l’accesso alle informazioni.

Questo formato è attualmente molto popolare perché rende le informazioni più divertenti rispetto a un articolo di solo testo.

In effetti, alcuni elementi di grafica computerizzata sono quasi dei fumetti a sé stanti, tanto sono curati nei minimi dettagli.

È possibile creare il proprio CV utilizzando la computer grafica!

Molto divertente e facile da usare, potete importare le vostre informazioni da Linkedin o Facebook in ResumUP, risparmiando così molto tempo. In effetti, ho impiegato meno di 5 minuti per creare il mio (vedi sotto).

Un’area di miglioramento CV generati al computer sarebbe quello di aprire un maggior numero di hobby (la possibilità di inserire da soli il titolo del proprio hobby, per esempio), nonché elementi di capacità relazionali. Ma immagino che questo si svilupperà in futuro.

Come si può vedere, sono stato conquistato da questo sito, che offre crea il tuo CV con la grafica computerizzata e spera che, con il successo, il sito sviluppi nuovi modelli (al momento ne è disponibile solo uno), permettendo agli utenti del web di scegliere l’infografica che più li aggrada.

Valuta l’articolo

L’articolo Come creare il proprio curriculum online? proviene da Blog Ecommerce.


Source: Blog eCommerce

0